Agricoltura 4.0: la sfida della tecnologia al servizio dell'agricoltura



Quali sono gli strumenti più funzionali e le tecniche più efficienti derivanti dall’agricoltura 4.0?


Un settore da sempre considerato tradizionale e poco incline alle novità informatiche come quello agricolo, scopre sempre di più l’enorme potere derivante dall’utilizzo di nuove tecnologie, connessioni digitali e satellitari, sistemi IoT e applicazioni evolute. A cosa si deve la loro rilevanza?


Produrre di più e in maniera qualitativamente maggiore, risparmiando tempi e risorse, non rappresenta più una scelta ma una necessità. Con i mezzi e le modalità di produzione tradizionale le nuove sfide in campo agricolo non si possono vincere; l’innovazione e la tecnologia entrano in gioco offrendo l’opportunità di ampliare, velocizzare e rendere più efficienti le attività che interessano l’intera filiera.

Si parla di agricoltura 4.0 per definire l’evoluzione dell’agricoltura di precisione, realizzata attraverso la raccolta automatica, l’integrazione e l’analisi di dati provenienti dal campo, da sensori e da qualsiasi altra fonte terza. Tutto questo è reso possibile dall’utilizzo di tecnologie digitali 4.0, che forniscono supporto all’agricoltore nelle attività decisionali relative alla propria azienda e maggiore trasparenza delle dinamiche tra i soggetti coinvolti nella filiera. Il fine ultimo è ottenere una maggiore profittabilità e rendere la produzione più sostenibile, sotto il punto di vista ambientale ma anche sociale ed economico.


L’agricoltura 4.0 è una sinergia dell’utilizzo di varie tecnologie innovative (come ad esempio l’Internet of Things o IoT, i Big Data Analytics, l’Intelligenza Artificiale e la Robotica), grazie alle quali è possibile misurare in maniera precisa il fabbisogno idrico di una coltura evitando lo spreco di acqua, monitorare le piante e prevedere malattie o l’insorgere di parassiti, risparmiare sulle forniture e sull’uso dei macchinari, tracciare la filiera agroalimentare raccogliendo i dati e tenere sotto controllo ogni fase della produzione, offrendo al consumatore finale un prodotto di qualità e creato in modo sostenibile.


Quali sono quindi i vantaggi dell’agricoltura 4.0?

Esistono ancora dei limiti alla diffusione di soluzioni 4.0 in tutta Italia, dai costi di gestione all’effettivo accesso alla tecnologia. Tuttavia, i ricercatori non hanno dubbi nell’evidenziare gli enormi vantaggi che derivano dall’utilizzo di tali innovazioni, tra cui la produzione di prodotti di qualità maggiore e privi di residui chimici (si stima che i prodotti inseriti in una filiera ad alto tasso tecnologico mantengano intatte le loro proprietà e risultino, quindi, più salutari), il risparmio del 30% dei costi di produzione, la notevole riduzione degli impatti ambientali e l’aumento della produttività pari al 20%.


Come è possibile ottenere tali opportunità?

L’approccio con l’agricoltura 4.0 non può essere improvvisato, richiede una preparazione adeguata, competenze ed esperienze specifiche. In particolare, è fondamentale avere l’opportunità di fare riferimento anche al mondo della ricerca e dell’Università.

Il team di Deeply Agrifood mette insieme competenze imprenditoriali e accademiche: grazie alla collaborazione con altre aziende specializzate e dipartimenti di ricerca universitari, siamo riusciti a creare un servizio completo che accompagna il cliente (azienda agricola, fornitore, distributore, trasformatore, ecc.) in tutte le fasi di selezione, sviluppo e utilizzo delle nuove tecnologie avanzate di informazione e tecnologia ICT.


Offri una grande opportunità di crescita alla tua impresa! Contattaci: info@deeplyagrifood.it

16 visualizzazioni0 commenti